Login utente

Ricerche economiche, sociali e ambientali per il bene comune

Simurg nasce nel 1995 da un'idea di quattro ex compagni di liceo, che, dopo la laurea ed esperienze di ricerca universitaria più o meno precarie, desideravano uscire dagli angusti ambiti dell'accademia e cercare di fare ricerca applicata per migliorare la società (per saperne di più sulla nostra storia clicca qui).

Oggi Simurg è una rete di ricercatori che comprende statistici, demografi, economisti, esperti di diritto e di scienze sociali, ingegneri, urbanisti e architetti con un obiettivo comune: usare le nostre conoscenze e competenze per contribuire al benessere delle comunità in cui viviamo.

Pensiamo che la programmazione delle politiche pubbliche debba fondarsi sull'evidenza empirica e ispirarsi al principio di sussidiarietà.

Siamo una società, ma il profitto non è il nostro obiettivo principale. Abbiamo l'ambizione di offrire servizi utili al bene comune e di contribuire a promuovere comunità locali coese e vitali.

 

Perché Simurg?

Simurg (o Simurgh) è il favoloso uccello simbolo della divinità narrato dal mistico Farid-ad-din 'Attar, uno dei più grandi poeti dalla letteratura persiana, vissuto a cavallo tra il XII ed il XIII secolo.
Nell'opera Il verbo degli uccelli, a lui attribuita, si narra di come gli uccelli partano guidati dall'upupa alla ricerca del loro mitico re Simurg dalle piume bellissime, che vive al di là dei confini del mondo. 'Attar racconta che su centomila volatili solo trenta (Si-murgh significa infatti il "Trenta-uccelli") riescono a giungere alla corte dopo un viaggio attraverso le sette valli della mistica via, per scoprire come in uno specchio che la divinità è in loro e loro stessi sono la divinità.

«Essi erano il Simurg e la fine del viaggio
guardano il Simurg e fissano sè stessi
ed hanno un altro Simurg di fronte
guardano entrambi e che i due sono uno
che quello è questo, questo e quello, e il fine è raggiunto
»

L'apologo del Simurg è ripreso a distanza di oltre sette secoli da Jorge Luis Borges, nel suo Manuale di zoologia fantastica dove identifica il Simurg come un volatile che vive nell'albero della scienza nel giardino dell'Eden.

Altre informazioni sul SImurg: http://it.wikipedia.org/wiki/Simurg